L’ultima giornata della Serie A 2021-2022, quella che ha decretato il meritato Scudetto del Milan di Pioli e Maldini, la meritata salvezza della Salernitana di Nicola e Sabatini e l’altrettanto meritata, per quanto triste, retrocessione del Cagliari di Giulini, ha fornito anche gli ultimi verdetti della quinta stagione dell’Hyboria League.

Andiamo a vederli uno per uno…con un annuncio molto importante alla fine dell’articolo.


I punteggi

Il punteggio migliore della giornata lo ha fatto registrare Aquilonia.

Gli ex campioni hanno concluso questa grigia annata con un sussulto di orgoglio che gli ha consentito di mettere le mani sulla terza “V” nera stagionale.

Sono andate bene anche Ophir e Zamora mentre tutte le altre si sono assestate su punteggi molto simili, tutti al di sotto di quota settanta.




Il Campionato di Lega

L’unico verdetto atteso nel Campionato di Lega riguardava l’assegnazione dello Scudo d’Argento.

La sfida a distanza per il secondo posto tra Wisemen e Barbudos ha visto uscir vincitori i bianco-verdi. Bianco-verdi che, però, hanno fatto una gran fatica contro il fanalino di coda Stygia.

La partita dell’Olympic di Akbitana è finita 1-1 e si è decisa tutta a Salerno.

Al vantaggio ospite iniziale, firmato da Gerard Deulofeu, ha risposto Roberto Pereyra.

L’argentino dell’Udinese, prima di siglare la rete che avrebbe consegnato il pareggio a Corinthia, aveva fallito un calcio di rigore facendo temere il peggio ai padroni di casa.


Lo Scudo d’Argento dei Wisemen, che sarebbe stato matematico solo in caso di successo degli stessi, si è materializzato ugualmente e solo grazie al contemporaneo pareggio di Brythunia sul campo di Koth.

I Barbudos hanno molto da recriminare.

Sospinti dalle incredibili prestazioni di Maignan (ennesimo cleansheet per il portiere del Milan), di Rafael Leao (tre assist) e di Niccolò Barella (assist e bonus da vice-Capitano) non sono, però, riusciti a vincere. Penalizzati dal turnover (classica trappola di fine stagione), infatti, i giallo-neri hanno finito per giocare in dieci uomini.

Per la difesa sono andati a voto solo Kalulu (ennesima eccellente prestazione per il giovane talento francese) e Ceccaroni. Tutti gli altri difensori in rosa non hanno neanche visto il campo. Unica eccezione il buon vecchio Peluso, che però non ha giocato i 15 minuti effettivi necessari a racimolare un voto utile a far raggiungere la seconda soglia goal ai suoi Barbudos.

La partita si è conclusa sul punteggio di 1-1.

E’ stata una serata amara anche per i padroni di casa di Koth.

Alla beffa per la mancata conquista delle Spade d’Oro di Hyboria (ne parleremo più avanti) si è aggiunto il doloroso addio, per molti versi inaspettato, al capitano Joao Pedro, retrocesso in Serie B col suo Cagliari.

L’italo-brasiliano era uno degli ultimi tre veterani della Koth che cominciò, tra mille difficoltà, questa avventura fantacalcistica nella stagione 2017-2018. E insieme a lui lascerà anche Francesco Magnanelli che proprio ieri ha dato l’addio al mondo del calcio professionistico.

Insomma, di quei primi 30 giocatori sorteggiati rimarrà, salvo sorprese, solo Josè Palomino, attualmente vice-capitano e candidato a far da chioccia a colui che, a partire dall’anno prossimo, indosserà la fascia appartenuta a Joao Pedro nelle ultime tre stagioni: Davide Calabria.


Non ha realizzato il record assoluto di punti (ne è mancato uno per eguagliare quello dell’Aquilonia campione nella stagione 2018-2019), ma il cammino di Ophir può definirsi trionfale.

La vittoria conseguita ieri in rimonta per 1-3 sul campo degli Zingara Smugglers grazie alla doppietta di Olivier Giroud ha consentito ai Golden Shields di chiudere la stagione a quota 69.

Il francese, mattatore in Sassuolo-Milan, ha risposto al goal dell’ex Pedro che aveva portato in vantaggio i padroni di casa.

Il resto lo ha fatto prestazione complessivamente molto positiva della squadra.

I Golden Shields hanno vinto su tutta la linea collezionando solo due insufficienze (Criscito e Praet) e facendo mettere a referto un assist (quello di Molina), il prezioso cleansheet di Rui Patricio e un punto extra di bonus difensivo


L’ultimo derby di Hyboria di questa stagione non metteva in palio nulla. Era pura questione di orgoglio.

Se l’è aggiudicato, con ampio margine, Aquilonia, che aveva messo in chiaro le cose già venerdì sera grazie alla doppietta di Tammy Abraham in Torino-Roma.

Abraham fa una doppietta al Torino

Nemedia ha risposto prima con Lorenzo Pellegrini e poi con l’ex Felipe Anderson ma non è riuscita ad arginare la netta superiorità dei rivali.

Provedel ha incassato ben tre reti; capitan Insigne, ai saluti, ha giocato solo uno spezzone di partita a La Spezia. Vlahovic non è andato neanche a voto ed è stato sostituito da un imbarazzante Franck Ribery. Un disastro.

La squadra, domenica, non è praticamente scesa in campo e Aquilonia ne ha approfittato a piene mani chiudendo la pratica grazie alle reti di Ivan Perisic e Franck Kessiè.

L’ivoriano è riuscito a salutare la sua franchigia con un bel regalo. Questa lunga storia d’amore durata ben cinque anni non poteva concludersi in maniera migliore.


E’ finita 3-1 anche l’ultima gara in programma tra Zamora e Argos.

I padroni di casa hanno vinto grazie ai bonus del tandem veronese SimeoneLasagna, ma avrebbero potuto dilagare se avessimo azzeccato la formazione titolare. Considerate che sulla panchina bianco-nera sedevano Politano, Zielinski e Demme, tutti e tre a segno in Spezia-Napoli.

Simeone esulta dopo il goal alla Lazio

Argos ha siglato la rete della bandiera con Nestorovski, subentrato dalla panchina a Morata.

Entrambe le squadre non avevano niente da chiedere. Entrambe le squadre ora dovranno pensare soprattutto alla prossima stagione.




La Coppa di Lega

E’ andato tutto come previsto in Coppa di Lega.

I piazzamenti di sette giorni fa sono stati confermati nonostante il tentativo last-minute di rimonta da parte di Ophir. I Golden Shields sono riusciti a dimezzare lo svantaggio rispetto a Corinthia. Per ripianarlo tutto sarebbe servito un miracolo.

I Wisemen si sono così aggiudicati il primo Elmo d’Oro della loro storia e ora potranno esporlo accanto allo Scudo d’Oro conquistato nella stagione 2019-2020.

Per Ophir, seconda, è il quarto piazzamento a podio in una competizione che li ha visti mancare dalla lista delle prime tre solo nella scorsa stagione.

Per la Brythunia, meritatamente terza dopo una lunga rimonta durata tutti e due i gironi di ritorno, si tratta del secondo Elmo di Bronzo. Il primo, i giallo-neri, lo avevano conquistato nella stagione inaugurale.

Nella prossima sessione di mercato le tre squadre piazzatesi sul podio avranno diritto, come ben saprete, a un tesseramento premio ciascuna per il ruolo di trequartista. E mai come quest’anno il vantaggio potrebbe rivelarsi considerevole visti i nomi di cui già si vocifera (Dybala e Perisic su tutti). Vedremo.




La Supercoppa di Lega

Il duello più atteso era quella per le Spade d’Oro di Hyboria.

Golden Shields e Steelers partivano appaiati sette giorni fa e appaiati hanno concluso la corsa visto che sono riuscite a conquistare due punti extra ciascuna. Non era mai accaduto nella storia di questa competizione che due squadre terminassero in testa a pari punti.

A spuntarla, come da regolamento, è stata Ophir che ha fatto valere il proprio miglior punteggio stagionale (88,5) fatto mettere a referto alla ventesima giornata.

La migliore prestazione stagionale di Koth (85,5) risaliva, invece, al trentatreesimo turno.

Sia Golden Shields che Steelers avranno la possibilità di effettuare un tesseramento premio per il reparto del centrocampo nella prossima sessione del mercato estivo. L’altra squadra che godrà di questo privilegio sarà Corinthia, piazzatasi terza ad oltre dieci lunghezze di distanza.




La classifica dei marcatori

Non si mosso nulla nelle posizioni che contavano della classifica dei marcatori.

Per la terza stagione consecutiva il Pugnale d’Oro di Hyboria è stato vinto da Ciro Immobile. Il capitano dei Golden Shields ha preceduto l’ex compagno di squadra Dusan Vlahovic.

Il terzo posto è andato, ex aequo, a Sergej Milinkovic-Savic, capitano dei Corinthia Wisemen, e a Lautaro Martinez, uomo simbolo degli Zingara Smugglers.

La classifica dei marcatori finale

Nessuno dei quattro giocatori premiati è andato a segno in quest’ultima giornata. Non era mai accaduto prima.

Le marcature extra che abbiamo potuto assegnare sono state ben quattro e sono andate a Molina (Ophir), Barella (Brythunia), Tomori (Zamora) e Bastoni (Koth).

L’unica rete che non abbiamo potuto convertire in una marcatura utile per la nostra graduatoria è stata quella di Lorenzo Pellegrini dei Nemedia Red Dragons.



La prossima giornata

La prossima stagione ci mette già in apprensione.

Per questioni di calendario dovremmo partire con ben due giornate di ritardo rispetto al solito. Per riallinearci al calendario saremo costretti ad organizzare ben due doppi turni (ricalcando la soluzione già adottata all’inizio del campionato 2020-2021), presumibilmente in concomitanza con due pause della nazionale.

La prima giornata si aprirà con il testa-coda tra Ophir e Stygia. Le due squadre si affronteranno al Red River Bridge di Ianthe e, molto difficilmente, i rapporti di forza potranno essersi invertiti nel frattempo.

Sarà molto interessante anche il derby dell’Est che si giocherà al Monumental tra Brythunia e Zamora. Quello tra Barbudos e Snatchers è l’unico dei tre derby hyboriani che si sia mai svolto in passato alla prima giornata della stagione. Era l’esordio assoluto dell’Hyboria League, come dimenticarlo?

Ci saranno poi CorinthiaNemedia, ZingaraKoth e ArgosAqulonia.




Prima di lasciarvi al file mastro finale volevo farvi un annuncio importante: dopo quattro anni, finalmente, abbiamo il vincitore della prima divisa ufficiale.

Il nostro amico @DarioCi8 (per tutti Darione su twitter), che aveva inviato il suo pronostico vincente commentando la pagina del concorsone “I Want You – chapter four“, riceverà una in regalo una divisa originale dei Corinthia Wisemen. La prima mai realizzata.

Inutile dirvi che sono contentissimo e che, anche se Dario per mille motivi è stato un po’ assente ultimamente da twitter, sono riuscito già a parlarci. Ci vorrà un po’ di tempo per organizzare confezionamento e consegna del premio ma ce la faremo. Vi aggiorneremo sul nostro social preferito…

Vorrei complimentarmi anche con tutti gli altri che hanno partecipato. In particolare con quelli che il pronostico lo hanno mancato di un pelo…e sono stati ben quattro: @Enzobruno9, @Ledbowski (è la seconda volta che “fa palo!”) e @mastelli93 hanno fallito solo la vincente del Campionato di Lega; @S812Carlito ha toppato solo la vincente della Coppa di Lega.

Bravi tutti davvero.

Spero che l’anno prossimo vogliate riprovarci.




Il resoconto di questa trentaseiesima giornata termina qui.

Vi lascio al file excell definitivo con tutti i risultati della stagione nel dettaglio.

I risultati in excell della stagione 2021-2022

Grazie per averci seguito anche quest’anno.

Ci sentiamo su twitter.