Ventiseiesima giornata: le formazioni

Stasera, chiusa la tristissima parentesi dello scorso fine-settimana, tornerà il campionato di Serie A, e con esso torneranno ovviamente sia il fantacalcio che l’Hyboria League. Ci eravamo lasciati con due comunicati ufficiali pubblicati uno domenica e l’altro martedì nei quali avevamo chiarito la nostra intenzione di lasciare in sospeso il turno numero venticinque nell’attesa dei recuperi previsti per il 3 e 4 aprile. Di conseguenza, quella che ci accingiamo a disputare, è una ventiseiesima giornata cui tutte le franchigie giungono con una partita in meno. Soprattutto Ophir e Stygia che domenica scorsa avrebbero dovuto affrontarsi in una sfida importantissima per la classifica del Campionato di LegaThe show must go on.

In attesa di sapere come finirà il “big match mancato”, pensiamo al presente. E il presente ci offre una delle partite più importanti dell’anno, di sicuro la più suggestiva, il derby di Hyboria. Di fronte, per la terza volta in stagione, le due franchigie rivali per antonomasia: Crusaders e Red Dragons. Un derby che recupera tanto del suo fascino grazie all’ottimo momento di forma di entrambe. Gli ospiti, dati per spacciati fino ad un mese fa, sono tornati a sperare in un finale di campionato da protagonisti. I padroni di casa hanno nel mirino le prime due posizioni e intendono portare a termine questo lungo inseguimento. Nei due precedenti una rotonda vittoria per i biancorossi all’ottava giornata (3-0) e un pareggio per 1-1 alla diciassettisima.

Padroni di casa di Aquilonia che, sfruttando il fattore campo, presentiamo con un offensivo 4-2-3-1. In difesa si rivedrà Mattia De Sciglio al posto di Samir. Sulla trequarti, a fianco di Ilicic e Callejon, spazio a Felipe Anderson che ha vinto il ballottaggio con Rafinha su twitter. Unica punta l’inamovibile Fabio Quagliarella.

Gli ospiti di Nemedia risponderanno con il 4-3-2-1. Novità in difesa con Moretti che sostituirà lo squalificato Fazio. A centrocampo tornerà titolare Vecino, preferito a Pellegrini. Occasione importante in attacco per il Khouma Babacar, arrivato coi sorteggi di gennaio e alla caccia del primo gol con la sua nuova maglia rossonera. Panchina per un Niang non al meglio dopo l’infortunio rimediato in allenamento e comunque in forse per la trasferta dell’Olimpico contro la Roma.

4-2-3-1 4-3-2-1
Buffon C
D’Ambrosio
Romagnoli
Silvestre
De Sciglio
Kessié
Lulic vC
Ilicic
Felipe Anderson
Callejon
Quagliarella
Reina
Cancelo
C Bonucci
Moretti
Basta
Vecino
Laxalt
vC Nainggolan
Calhanoglu
Insigne
Babacar
Panchina: Szczesny, Mirante, Lirola, Samir, Caceres, Marchisio, Viviani, Behrami, Ionita, Veloso, Rafinha, Inglese, Pucciarelli, Iemmello Panchina: Sorrentino, Sepe, Wallace, Bastos, Nuytinck, Costa A, Konate, Pellegrini, Schiattarella, Sensi, Di Francesco, Eder, Niang, Coda, Maxi Lopez

Secondo incontro della giornata tra Barbudos e Steelers. Favoritissimi sulla carta i padroni di casa, già vittoriosi nei due precedenti stagionali (2-1 a Pirogia all’ottava e 0-2 a Korshemish alla diciassettesima). Tuttavia ai giallo-neri mancherà Dzeko, particolare da non trascurare affatto.

Il nodo più importante da sciogliere per Brythunia era dunque rappresentato dall’attaccante con il quale sostituire il bomber bosniaco squalificato. E’ stata corsa a due tra Trotta e Galabinov, con l’attaccante del Crotone che ha bruciato sul filo di lana il collega di reparto nel sondaggio proposto ai nostri followers su twitter. A completare il tridente, come al solito, Jack Bonaventura e il Papu Gomez. Un’importante novità ci sarà anche a centrocampo: abbiamo infatti deciso di giocare la carta Buchel. Punteremo sul mediano del Verona, impegnato nel delicatissimo derby salvezza di sabato sera, lasciando in panchina Faragò, Barberis e De Roon.

Koth risponderà con un 3-4-1-2 in cui le chiavi dell’attacco saranno affidate all’affiatato tridente composto da Politano, Antenucci e Zapata. Questa settimana non c’è stata neanche la necessità di riflettere a lungo vista la sospensione di Joao Pedro per doping. A completare l’undici titolare una difesa a tre e il solito folto centrocampo composto tutto da giocatori coi piedi buoni. Abbiamo deciso di lasciare in panchina Khedira, visto il probabile turnover, sperando che lo juventino non ci sorprenda di nuovo come fece all’andata ad Udine quando segnò una tripletta che noi perdemmo proprio in conseguenza ad una scelta simile.

4-3-2-1 3-4-1-2
Alisson
Rodriguez R
Toloi
N’koulu
Peluso
Pjanic
Allan
Buchel
Bonaventura
Papu Gomez C
Trotta
Berisha
C Acerbi
Goldaniga
Kolarov
Jorginho
Leiva
vC Biglia
Bertolacci
Politano
Antenucci
Zapata
Panchina: Skorupski, Nicolas, Barzagli, Gobbi, Gaspar, Faragò, Barberis, De Roon, Rog, Eysseric, Galabinov, Pellissier Panchina: Gollini, Bizzarri, Vitor Hugo, Palomino, Dainelli, Pisacane, Bruno Peres, Khedira, Magnanelli, Missiroli, Saponara, Falcinelli, Stepinski

Momentaneamente appaiati in classifica, Wisemen e Mariners si affronteranno per la terza volta in questa stagione giocandosi una bella fetta di futuro. Sarà la prima dei biancoverdi dopo la tragica scomparsa di capitan Astori. La prima con la fascia al braccio per Marco Parolo. Per la cronaca, nei due precedenti, una vittoria per parte: 1-0 per i bianco-verdi all’ottava giornata e 3-1 per i bianco-celesti alla diciassettesima.

Continua ad essere molto precaria la situazione di Corinthia per quanto riguarda il reparto avanzato. L’infortunio di Lasagna e la squalifica di Berardi ci lasciano ancora privi di un terminale offensivo con il posto assicurato. Nel ruolo di punta abbiamo scelto allora di nuovo Caprari, certi che avrà la possibilità di giocare un consistente spezzone di partita contro il Crotone. Come per la trasferta non giocata della settimana scorsa contro Zingara, abbiamo poi optato ancora una volta per una difesa a 5, sperando di poter raggranellare un facile punto bonus che sarebbe importantissimo in chiave Supercoppa. Il posto del Capitano Davide Astori sarà preso da Felipe della Spal.

Per gli ospiti di Argos prima situazione di abbondanza in attacco da alcuni mesi a questa parte. Abbiamo davvero faticato a decidere chi lasciare fuori. Alla fine i nostri amici di twitter ci hanno aiutato convincendoci a mettere da parte il capitano Andrea Belotti, in evidente difficoltà nell’ultimo periodo. Il tridente sarà allora composto da Douglas Costa, Dybala e Schick. In difesa, al posto dello squalificato Marusic, ci sarà il serbo Vukovic. Confermato De Vrij, nonostante le ultime notizie legate ad una sua convocazione da parte dell’agenzia antidoping. Nel caso non dovesse poter scendere in campo contro il Cagliari (ormai possiamo aspettarci di tutto in un anno in cui sta davvero accadendo di tutto) pronto a subentrargli dalla panchina Widmer.

5-4-1 A 4-3-2-1
Sirigu vC
De Silvestri
Caldara
Pezzella Ger
Felipe
Hysaj
Parolo C
Milinkovic-Savic
Benali
Candreva
Caprari
Handanovic
Radu
De Vrij
Manolas
Vukovic
Torreira
Castro
Spinazzola
Douglas Costa
Dybala
Schick
Panchina: Milinkovic V, Cordaz, Ajeti, Castagne, Musacchio, Acquah, Donsah, Linetty, Duncan, De Paul, Milik, Kownacki Panchina: Padelli, Meret, Widmer, Gamberini, Borja Valero vC, Diawara, Di Gennaro, Karamoh, Nani, Belotti C, Cornelius, Floccari, Sau

E veniamo ora alle due battistrada: gli Ophidians, in posizione di netto svantaggio (anche se parziale) nel big match che è rimasto in sospeso contro Ophir, affronteranno in casa un avversario molto temibile, ovvero gli Smugglers. Gli arancio-neri avranno infatti finalmente a disposizione Gonzalo Higuain, il mattatore di Wembley. Nei due precedenti una vittoria per parte: nettissima quella degli Ophidians all’ottava giornata (un pirotecnico 6-2 propiziato dal miglior punteggio assoluto dell’anno); di misura, ma di fondamentale importanza, quella degli Smugglers alla diciassettesima (2-1).

Problemi nel reparto arretrato per Stygia che dovrà fare a meno dello squalificato Alex Sandro. Abbiamo allora optato per una difesa a tre. Il folto centrocampo sarà composto dal duo viola BadeljBenassi e da Matuidi e Cristante. In attacco tornerà El Shaarawy, preferito a Suso, insieme a Verdi e al capitano Mauro Icardi che avrebbe dovuto già rientrare già domenica scorsa.

Sospiro di sollievo per Zingara che, come anticipato, ritroverà dopo due giornate il suo bomber Gonzalo Higuain. L’argentino sarà affiancato da Chiesa e Luis Alberto, quest’ultimo preferito a Iago Falque. In difesa tornerà di nuovo a disposizione Chiellini, mentre a centrocampo abbiamo deciso di rilanciare Freuler (panchina sia per Hetemaj che per Radovanovic).

3-4-2-1 4-3-2-1
Sportiello
Martella
Albiol vC
Skriniar
Badelj
Matuidi
Benassi
Cristante
Verdi
El Shaarawy
Icardi C
vC Donnarumma G
Biraghi
Chiellini
Zukanovic
Caracciolo
C Hamsik
Lazzari
Freuler
Chiesa
Luis Alberto
Higuain
Panchina: Dragowsky, Consigli, Barreca, Andreolli, Regini, Tonelli, Gentiletti, Barella, Barak, Cataldi, Suso, Kean, Pavoletti, Destro, Paloschi Panchina: Donnarumma A, Puggioni, Rugani, Juan Jesus, Costa F, Howedes, Lukaku, Hetemaj, Radovanovic, Praet, Gagliardini, Iago Falque, Thereau, Diabate, Caicedo

La capolista Ophir farà invece visita agli Snatchers per una trasferta complicata ma non impossibile. Zamora, nonostante la netta inferiorità della rosa, è comunque quarta e a solo quattro punti di distanza. Dobbiamo dunque considerarla una pretendente alla vittoria finale. Ed è per questo che una partita del genere assume i contorni della sfida d’alta classifica che può, a seconda di come finirà, tagliare le gambe agli uni e lanciare in orbita gli altri. I due precedenti stagionali sono favorevoli alla franchigia dello scudo che, dopo aver pareggiato a Shadizar all’ottava giornata (1-1, e all’epoca Zamora era prima in classifica), ha vinto poi il ritorno, ma soffrendo (a Ianthe finì 1-0).

Zamora sta lentamente smaltendo tutti problemi di infermeria: abbiamo deciso di schierare i bianconeri nella stessa identica formazione di domenica scorsa, eccezion fatta per l’attacco, con Kalinic preferito ad un acciaccato Mandzukic e per il rientro del capitano Daniele De Rossi che andrà ad affiancare al centro del centrocampo Veretout.

Molto difficile decidere come schierare gli ospiti di Ophir. La rinomata abbondanza del reparto avanzato della franchigia dello scudo rende necessarie in ogni trasferta scelte complicate. Questa settimana a spuntarla è stato il Cholito Simeone con un turno sulla carta molto favorevole. Fuori Diego Perotti, in grande forma ma destinato al turnover nell’anticipo di questa sera contro il Torino. In difesa Ferrari rileverà l’acciaccato Benatia. A centrocampo invece spazio a Barreto e al capitano Strootman. Fuori Brozovic e Jankto.

4-4-2 A 4-3-1-2
Strakosha
Florenzi
Masina
Masiello vC
Cacciatore
Veretout
De Rossi C
Birsa
Perisic
Meggiorini
Kalinic
Viviano
Ansaldi
Ferrari
Koulibaly
Mario Rui
C Strootman
Barreto
Dzemaili
Mertens
Immobile
Simeone
Panchina: Vargic, Cragno, Miranda, Asamoah, Heurtaux, Lemos, Bentancur, Fofana, Zielinski, Lazovic, Gonalons, Taarabt, Mandzukic, Petagna, Rossi G Panchina: Perin, Belec, Benatia, Murru, Letizia, Dalbert, Jankto, Brozovic, Baselli, Perotti vC, Ramirez, Perica, Lapadula

E per le formazioni della ventiseiesima è tutto. Grazie a tutti come sempre per i preziosi consigli.

Ricominciamo da dove eravamo rimasti, nel nome di Davide Astori e con un pensiero anche a Thomas Rodriguez.

Buona Serie A e buon fantacalcio a tutti.

Ci sentiamo su twitter per “Tutta l’Hyboria League minuto per minuto”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.