Venerdì scorso avevamo affermato che questa settimana, scandita da ben tre turni di fantacalcio, avrebbe potuto rappresentare uno spartiacque per il nostro Campionato di Lega. Ad una sola giornata dal termine di questa maratona la classifica non si è mossa quasi per niente visto che le prime due della classe, Brythunia e Corinthia, non hanno dato grande prova di sé racimolando, tra la trentesima e la trentunesima giornata, un misero punticino in due.

L’immobilità depone a favore dei Barbudos che si trovano con un lunghezza in più di vantaggio (ora sono diventate, complessivamente, nove) e due partite in meno da giocare.

Ed è proprio dalla capolista che partiremo con la presentazione delle formazioni.




#BrythuniaStygia

Al Monumental andrà in scena il più classico dei testa-coda. I Barbudos ospiteranno gli Ophidians in una sfida che, sulla carta, non dovrebbe avere storia, ma che potrebbe rivelarsi molto meno intelligibile di quel che si possa credere. Stygia, infatti, è reduce da ben due successi consecutivi, l’ultimo dei quali conquistato contro i Corinthia Wisemen, rivali proprio di Brythunia per il titolo.

Ancora priva del proprio capitano Chris Smalling, Brythunia passerà alla difesa a tre. Ad infoltire il centrocampo ci penserà Marcos Antonio autore di un’ottima prova da subentrante nella scorsa sfida contro i Golden Shields. L’altra grande novità ci sarà in attacco dove il tridente pesante composto da Leao e Sanabria sarà completato da Dani Mota Carvalho. Il portoghese, in forza al Monza, ha vinto il ballottaggio col suo compagno di squadra Caprari.

Anche Stygia adotterà la difesa a tre per sopperire all’assenza dello squalificato Martinez Quarta e all’infortunio, ormai leggendario, del suo capitano Milan Skriniar. In mediana, viste le indisponibilità di Vecino, Cataldi e Pobega, toccherà a Castagnetti, impiegato una sola volta quest’anno come titolare. L’unica punta sarà Okereke. Il nigeriano sarà supportato da Calhanoglu e Di Francesco.

3-4-33-4-2-1
Meret
Valeri
Toloi
Olivera M
Marcos Antonio
Barella vC
Anguissa
De Roon
Sanabria
Leao
Dani Mota
Ochoa
Bastoni S
Acerbi
Zappacosta
Castagnetti
Rabiot
Castrovilli
Moro
Calhanoglu
Di Francesco
Okereke
Panchina: Gollini, Maignan, Hysaj, Kalulu, Patric, Lykogiannis, Caldara, Tameze, Dominguez, Lazzari, Camara Ma, De Keteleare, Saponara, Caprari, Arnautovic.Panchina: Sepe, Consigli vC, Rogerio, Toljan, Alex Sandro, Bianchetti, Stojanovic, Rugani, Aebischer, Wijnaldum, Cataldi, Ikonè, Barrow, Kouamè.



#CorinthiaArgos

I Wisemen devono leccarsi le ferite. La classifica è impietosa e pare suggerire di guardare negli specchietti retrovisori (Ophir e Zingara cominciano ad essere davvero vicine) più che in avanti. La gara contro i Mariners si preannuncia complicata tra dubbi di formazione e possibili turnover. Eccovi gli undici scelti, un po’ al buio e con le dita incrociate, da mister Cirillo.

Gli acciacchi fisici continueranno a tenere Paulo Dybala lontano dal terreno di gioco. A meno di miracoli, infatti, Mourinho deciderà di non rischiare il suo gioiello argentino nella sfida che andrà in scena tra qualche ora allo Stadio Olimpico tra Roma e Inter. La stessa cosa ha deciso Mister Cirillo, lasciandolo in panchina. La Joya, quindi, salterà (almeno in partenza) l’ultimo dei quattro incroci stagionali con il proprio passato. In attacco giocheranno Viktor Osimhen e Duvan Zapata. In loro supporto agirà il veterano Mimmo Berardi, l’uomo giusto cui Corinthia sa affidarsi nei momenti di difficoltà.

Argos replicherà con un tridente inedito. Nel ruolo di punta giocherà Ilija Nestorovski, alla prima presenza assoluta in questa stagione. Il macedone sarà spalleggiato da Armand Laurientè e dall’ex Henrickh Mkhitaryan. Per l’armeno, che ha militato per ben tre stagioni in divisa bianco-verde, sarà la prima da avversario contro i Wisemen. Tra i pali, dopo un turno di riposo, tornerà Onana. In difesa mancherà Schuurs, infortunatosi mercoledì.

3-4-1-23-4-2-1
 Milinkovic-Savic V
Theo Hernandez
Djimsiti
Ebuehi
Milinkovic-Savic S C
Peryera
Bonaventura
Lazovic
Berardi
Osimhen
Zapata D
Onana
Biraghi
Ampadu
Posch
Marin
Tonali C
Koopmeiners
Pessina
Mkhitaryan
Laurientè
Nestorovski
Panchina: Carnesecchi, Bremer, Luperto, Kyriakopoulos, Milenkovic vC, Hien, Coulibaly L, Cristante, Veloso, Ricci, Gonzalez N, Di Maria, Chiesa, Dybala, CaputoPanchina: Handanovic vC, Skorupski, Marusic, Reca, Soppy, Tonelli, Depaoli, Lopez M, Colpani, Locatelli, Saelemaekers, Sensi, Defrel, Piatek, Satriano.



#NemediaOphir

Quella tra Red Dragons e Golden Shields è una sfida sempre molto suggestiva. I rosso-neri non hanno più reali ambizioni di classifica ma, nelle ultime due giornate, hanno dimostrato di essere in grado di potersela giocare contro chiunque. Secondo me ci sono tutti i presupposti per assistere ad una gran partita.

Tra le file della Nemedia dovrebbe tornare Mbala Nzola. Il miglior realizzatore stagionale dei Dragoni farà coppia in attacco con Dusan Vlahovic, tornato finalmente al goal nella spettacolare partita della Korshemish Arena di tre giorni fa. Il serbo, ex di questa sfida, è ancor alla ricerca del primo centro con la franchigia che lo aveva lanciato nel gotha del nostra fantacalcio durante la stagione 2019/2020.

E’ stato molto difficile preparare la formazione di Ophir. Nell’infrasettimanale avevamo penuria di attaccanti a causa del turnover. Questa volta, invece, sono tornati tutti a disposizione (a parte, forse, Beto). Tra Immobile, Lukaku e Giroud abbiamo scelto i primi due senza compiere particolari elucubrazioni. Abbiamo semplicemente tirato ad indovinare. I pali saranno difesi da Silvestri.

4-4-2 A4-3-1-2
Falcone
Dodo
Kim
Buongiorno
Maehle
Pellegrini L C
Pasalic
Anderson F
Ciurria
Vlahovic vC
Nzola
Silvestri
Udogie
Pablo Marì
Danilo
Gendrey
Brozovic
Amrabat
Bennacer
Kvaratskhelia
Lukaku
Immobile C
Panchina: Di Gregorio, Cragno, Dumfries, Darmian, Augello, Ibanez, Rovella, Fagioli, Maggiore, Gonzalez J, Ranocchia, Gyasi, Verde, Raspadori, Milik.Panchina: Padelli, Rui Patricio, de Vrij vC, Thiaw, Rodriguez R, Lazaro, Arslan, Barak, Miretti, Rincon, Grassi, Samardzic, Vlasic, Giroud, Beto.



#ZamoraKoth

Gli Steelers sono tornati a fare un pensierino al terzo posto. La rimonta contro la Neemdia e i due punti rosicchiati sulle squadre davanti hanno ridato slancio ai grigio-azzurri che punteranno a confermarsi in questa insidiosa trasferta zamoriana.

Zamora, manco a dirlo, è a corto di attaccanti. Questa volta i bianco-neri si affideranno ad un tridente molto leggero composto da Messias, Brahim Diaz e Thuavin. Le tre punte di ruolo a disposizione siederanno tutte e tre in panchina, proprio come nelle rispettive squadre di club. Al centro della difesa tornerà Capitan Kjaer la cui prova potrebbe risultare importantissima per l’inseguimento delle Spade d’Argento in Supercoppa. I pali saranno difesi da Dragowski.

La formazione con la quale Koth si presenterà al Maul Camp di Shadizar sarà sostanzialmente identica a quella che un paio di giorni fa ha battuto la Nemedia in rimonta. I cambi saranno solo tre: uno in difesa con l’innesto di Bijol al posto di Bastoni. L’altro in attacco con Muriel e Jovic preferiti all’acciaccato Cabral e ad un Edin Dzeko che, quasi sicuramente, sarà destinato ad un turno di riposo in vista della semifinale d’andata di Champions League.

4-3-3 FN4-4-2 A
Dragowski
Perez N
Rodrigo Becao
Kjaer C
Dimarco
Walace
Zielinski
Agudelo
Messias
Diaz
Thauvin
Vicario
Carlos Augusto
Rrahmani
Bijol
Calabria C
Ilic
Kostic
Lovric
Zaccagni
Jovic
Muriel
Panchina: Zoet, Provedel, Romagnoli A, Faraoni vC, Tomori, Casale, Elmas, Bourabia, Mandragora, Schouten, Politano, Thorstvedt, Origi, Destro, Belotti.Panchina: Ujkani, Ravaglia, Bastoni A, Bonucci, Parisi, Lucumì, Blin, Meitè, Ekdal, Cuisance, Orsolini, Miranchuk, Boga, Cabral, Dzeko.



#ZingaraAquilonia

Con i sette punti conquistati nelle ultime tre giornate gli Smugglers hanno ricominciato a correre. Ora il terzo posto è di nuovo alla portata, ma bisogna dare continuità ai buoni risultati delle ultime due settimane. Gli arancio-neri partiranno favoriti contro Aquilonia, nonostante il turnover fornisca più di un’incertezza riguardo alle possibilità di impiego di alcuni dei suoi uomini migliori.

Zingara non si priverà del suo bomber e Capitano Lautaro Martinez. L’argentino, che dovrebbe partire dalla panchina contro la Roma, farà regolarmente parte degli undici titolari scelti per questa sfida contro i Crusaders. A coprire un suo eventuale mancato voto, in panchina, avremo il Cholito Simeone e Manolo Gabbiadini. Il suo partner d’attacco sarà Boulaye Dia, che finalmente avremo il coraggio di lanciare dal primo minuto (era accaduto solo due volte quest’anno). In formazione ritroveremo anche Gabriel Strefezza, appena rientrato dalla squalifica, e Luis Alberto, dato per possibile assente ma che sarà regolarmente in campo dal primo minuto contro il Milan.

Le sorti di Aquilonia poggeranno sulle spalle di un finora deludente Tammy Abraham. Siamo quasi al termine una stagione e l’inglese ha ancora la possibilità di riscattarsi, almeno parzialmente, in queste ultime partite che rimangono da qui alla fine. A coadiuvarlo ci saranno Irving Lozano e Simone Verdi, quest’ultimo alla terza consecutiva da titolare. In mediana, scontata la squalifica, tornerà Matic mentre i pali saranno difesi da Montipò. Inutile dire che abbiamo preferito l’estremo difensore del Verona meramente per questioni di calendario.

4-4-2 A4-3-2-1
Sportiello
Cambiaso
Djidji
Igor
Nikolaou
Lobotka
Frattesi
Luis Alberto
Strefezza
Martinez L C
Dia
Montipo’
Di Lorenzo C
Baschirotto
Scalvini
Spinazzola
Matic
Vilhena
Ferguson
Lozano
Verdi
Abraham
Panchina: Musso, Terracciano, Erlic, Birindelli, Pezzella Giu, Medel, Ghiglione, Pogba, Hjulmand, Henrique, Haas, Gagliardini, Pedro, Simeone, Gabbiadini.Panchina: Szczesny vC, Perin, Umtiti, Mancini, Ferrari G, Bronn, Florenzi, Krunic, Basic, Bandinelli, Zalewski, Ederson, Correa, Quagliarella, Bonazzoli.



E con le formazioni della trentaduesima giornata è tutto.

La cronaca di questo turno di fantacalcio continuerà sul nostro social preferito con la consueta rubrica  #TwittaHyboriaMinutoperMinuto grazie alla quale potrete seguire in tempo reale l’evoluzione delle cinque partite in programma:

#TwittaHyboriaMinutoperMinuto