I risultati dell’undicesima giornata

Altra giornata grama. Non molti i gol anche in questo undicesimo turno di Hyboria League e tanti di questi messi a segno da giocatori non presenti nelle nostre dieci rose (Armenteros, Ferrari, Okwonkwo, Rigoni…). Tante le pagelle negative: Juve e Milan hanno messo insieme appena 8 sufficienze, malus esclusi. Ma i punti in palio sono sempre gli stessi ed allora andiamo a scoprire chi e come è riuscito a trarre vantaggio da questa situazione.

Lo score migliore lo ha messo a segno Ophir (terza volta in stagione), unica franchigia a portarsi a casa due punti bonus in una giornata molto povera anche da questo punto di vista. Dietro i 79,5 punti dei Golden Shields i 73 di Stygia. 6,5 lunghezze di differenza che segnano il controsorpasso in vetta in Coppa. Ma andiamo con ordine:

I cinque scontri diretti in programma si sono conclusi con due successi casalinghi, uno esterno e due pareggi. Argos si è aggiudicata di misura il testacoda contro Koth in una partita ricca di colpi di scena. A risultare decisiva la sfida di Genova tra Sampdoria e Juventus. Per i Mariners infatti sono stati fondamentali il bonus di Torreira e quello, inutile e a tempo scaduto, di Dybala, grazie al quale i biancocelesti sono riusciti a tamponare il -3 di Belotti. Fatale invece per gli Steelers la nostra decisione di mettere in panchina Zapata (a segno anche lui proprio a Marassi) e Joao Pedro. Politano e soprattutto Borriello hanno deluso nettamente le aspettative. I grigi hanno messo a referto solo 65 punti conseguendo l’ottava sconfitta stagionale e rimanendo ben ancorati al fondo della classifica. Al contrario, grazie ai tre punti conquistati, i Mariners ora possono godersi la vetta in solitudine.

Alle spalle di Argos arriva di slancio Ophir grazie alla netta vittoria sul campo della Brythunia. Per i Golden Shields s’era messo già tutto bene sabato grazie ai gol di Perotti e Immobile nel derby e all’assist di Mertens nell’anticipo tra Napoli e Milan. A chiudere il discorso domenica sono arrivati il gol di Baselli e il bonus da porta inviolata di Perin. Niente da fare per i gialloneri a segno solo con un Peluso che non ti aspetti. I padroni di casa continuano a pagare caro la sterilità offensiva di Dzeko e questa sofferenza non cesserà finché il centravanti bosniaco non riuscirà ad affiancare alle ottime prestazioni e agli ottimi voti anche i bonus gol che tutti si aspettano.

Terze a pari merito ora troviamo Stygia e Zamora che si affrontavano a Khemi nel match di cartello di questa undicesima giornata. Gli Ophidians si sono imposti con un netto 2-0. Provvidenziale la doppietta di capitan Icardi a fronte di una prestazione di squadra non molto entusiasmante. La crisi di Zamora (due pareggi e due sconfitte nelle ultime quattro giornate) comincia ad assumere un carattere cronico. Neanche l’innesto di Ciciretti è riuscito a dare la scossa. I bianconeri devono provare ad uscire dal tunnel perché domenica riceveranno in casa la capolista Argos in una partita che appare uno scontro decisivo. Un’altra sconfitta potrebbe significare un netto ridimensionamento delle ambizioni in Campionato, l’unica delle tre competizioni nelle quali la franchigia può vantarne ancora, almeno per ora.

E’ finita 1-1 a Belvero tra Nemedia e Zingara. I Red Dragons erano partiti molto bene sabato grazie ai bonus di Insigne e Nainggolan. Poi alcune pagelle hanno abbassato vistosamente la media e gli Smugglers, grazie ai bonus in zona Cesarini di Chiesa e Higuain, hanno agguantato un pari quasi insperato. E’ il terzo risultato utile consecutivo per entrambe le franchigie, ma con risvolti nettamente differenti: per Zingara sono infatti sette i punti conseguiti nell’ultimo mese; per Nemedia solo tre.

Ultimo risultato di giornata il pallidissimo 0-0 di Tarantia tra Aquilonia e Corinthia. I Wisemen grazie a questo pareggio riescono a mantenersi nella parte alta della graduatotia, anche se con passo rallentato. I Crusaders invece hanno perso l’occasione per riagganciare il treno delle prime. Un bonus gol per parte, ma entrambi in panchina: per Aquilonia Romagnoli (ma sfidiamo chiunque a prevedere la seconda marcatura consecutiva del centrale del Milan e soprattutto nella trasferta di Napoli) e Donsah per Corinthia. Per il resto ben poco da commentare. D’altronde una sfida con un 63 e un 62 non offre molti argomenti.

Cambia nuovamente la testa della classifica in Coppa: torna sul gradino più alto del podio Ophir che contro-sorpassa Stygia e si stacca di 4,5 lunghezze. Entrambe le franchigie guadagnano terreno sul principale inseguitore, Argos.

A metà classifica Zamora riconquista la quinta posizione ai danni di Aquilonia. Il gruppo di coda continua comunque a perdere terreno rispetto alle prime tre posizioni. Al momento, tolte Ophir, Stygia e Argos, solo Zingara sembra in grado di poter realisticamente aspirare ad un piazzamento a premio.

Non accade quasi nulla in Supercoppa visti i punteggi “banali” e i pochi bonus di squadra conquistati in questa undicesima giornata. L’unica franchigia a portare a casa due punti è stata Ophir. Per il resto un punto ciascuno a Stygia, Argos, Aquilonia e Koth. Niente per tutte le altre. Corinthia ha fatto registrare il suo peggior punteggio della stagione e di conseguenza ha perso mezzo punto.

Qui in Supercoppa la classifica continua ad apparire più incerta. Dietro ad Argos il gruppo è abbastanza compatto e molte cose possono cambiare nel volgere di poche giornate. Ovviamente non dovranno essere giornate come questa.

Chiudiamo con la classifica dei marcatori: Ciro Immobile ha incrementato il suo bottino personale e viaggia ora a quota 12. A lui si avvicina minacciosamente Mauro Icardi che con la doppietta di ieri è salito a quota 10. Nelle retrovie ha mosso la classifica solo Lorenzo Insigne, mentre sia Higuain che Dybala si sono visti privare del proprio gol a causa dei punteggi troppo bassi fatti registrare dalle rispettive franchigie. Oltre agli attaccanti della Juventus, questa settimana, non assegnati per il medesimo motivo anche i gol di Caceres e Nainggolan. Nessun gol extra a far da contraltare.

Il prossimo turno non sarà dei più banali. Quattro delle prime cinque franchigie si affronteranno in scontri diretti importantissimi: oltre al già citato Zamora-Argos il calendario infatti ci offrirà anche un succoso Ophir-Corinthia con i Golden Shields che appaiono nettamente favoriti, ma chi può dirlo con certezza? L’Hyboria league è per sua natura molto imprevedibile. All’andata l’ormai ex-cenerentola fermò la corazzata dell scudo sul 2-2. E vederle oggi separate di soli tre punti dopo le rispettive lodi e condoglianze post-sorteggio deve far riflettere.

Gli Ophidians di Stygia invece andranno di scena al Conan Memorial Colosseum di Tarantia contro Aquilonia in una sfida anch’essa dall’esito tutt’altro che scontato. A completare il quadro avremo la trasferta di Zingara sul campo di Koth e la sfida per l’ottavo posto tra Nemedia e Brythunia con i Red Dragons  a caccia di vendetta dopo il pesantissimo 5-1 rimediato all’andata (quando Dzeko la buttava dentro).

Per ora è tutto amici. Ci sentiamo in questi giorni sul twitter per il consueto “cazzeggio” e sabato qui sul sito per le formazioni della dodicesima.

I risultati in dettaglio di questo undicesimo turno li trovate, come al solito, nel file excell allegato: (11 – HL 2017-2018)

Buonanotte.

One comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.